venerdì 25 aprile 2014

Prince of Persia Classic

Il ritorno del principe originale nella sua forma più classica, due dimensioni a scorrimento orizzontale. È lo stesso titolo che 25 anni fa ci ha fatto tirare giù madonne e santi per la sua giocabilità dura, tipica dei platform degli albori, ma con una grafica moderna (gli sfondi/ambienti sono stupendi) e difficoltà nettamente più bassa. Non vi aspettate una passeggiata, qualche nervo di troppo lo tira anche questa versione, però a forza di riprovare, il completamento non sarà poi quell'evento da incorniciare sugli annali.


Se ultimamente gioco quasi solo a titoli di questo genere, indie o remake di quei videogame con cui sono cresciuto e mi hanno fatto innamorare di questo mondo, un motivo ci sarà, anzi, più di uno:
- Longevità e complessità adattate perfettamente al poco tempo che oggi, da lavoratore vecchietto, ho da dedicare ad essi.
- Fattore nostalgia che mi porta indietro nel tempo.
- Giocabilità migliorata, come scrivevo poche righe fa, rispetto alle prime edizioni originali.

Insomma, PoP Classic è per me un altro titolo del PSN promosso a pieni voti. Da non perdere, sia per i fan della serie, sia per gli incalliti del retro gaming che hanno voglia di qualcosa di nuovo e vecchio allo stesso tempo!

venerdì 4 aprile 2014

Enslaved Odyssey To The West

Giocare un titolo d'avventura oggigiorno è diventato una rarità e se poi te ne capita uno come questo gioiello di Namco Bandai e Ninja Theory, non si può fare altro che tesserne le lodi.
Qualcuno (?) si chiederà perché ho aspettato così tanto per giocare l'avventura lontanamente ispirata al romanzo cinese "Il Viaggio In Occidente" (c'è la scimmia, c'è la nuvola, c'è il bastone allungabile, c'è un compagno maiale, il sottotitolo simile), essendo un gioco dell'ottobre del 2010. È stato uno dei primi titoli  (il primo backup) PS3 che ho provato ma sul più bello il mio gioiellino si è rotto e l'ho dovuta mandare in assistenza, perdendo il salvataggio. Non appena la PS3 è tornata da paparino, non mi andava di ricominciare daccapo e così ho rimandato fino a quando non l'ho trovato a due soldi.

Enslaved ha tutto quello che chiedo in questo genere. Arrampicate ben realizzate, come il miglior Prince of Persia o Assassin's Creed, anche se forse trovare la via giusta è un po' troppo semplice. Puzzle, anch'essi un po' troppo semplici. Avventura mischiata a fantascienza (anche se il tema post apocalittico ha rotto). Linearità quasi massima. Longevità giusta.

Inoltre ha una bella grafica con ambienti incantevoli, una giocabilità fluida sia nei movimenti che nei combattimenti, con le combo facilmente realizzabili anche per un principiante. Il doppiaggio e le musiche sono niente male anche se purtroppo i dialoghi si sono rilevati spesso troppo bassi, coperti da musica ed effetti audio, tanto da costringere il giocatore ad usare i sottotitoli.

La collaborazione col secondo personaggio, Trip, mi ha ricordato un po' PoP (del 2008), lì c'era Elika per la quale ho solo un ricordo di antipatia. Invece la schiavista non mi ha dato particolarmente fastidio, anzi, arrivati nel suo villaggio mi sono quasi divertito nell'alzare e abbassare i ponti. Questo non toglie che immedesimato in Monkey, l'avrei voluta ammazzare anche io all'inizio.
Il vero difetto l'ho trovato nella trama. Una volta che Monkey ha Attenzione Spoiler: preso a cuore Trip non c'è più bisogno renderlo schiavo, eppure la forzatura rimane pur di mantenere fino alla fine questo aspetto inalterato, ovvero che non ci si può allontanare dalla bella rossa più di una certa distanza, altrimenti si muore e si perde.
Il finale invece mi è piaciuto anche se l'ho trovato un pizzico confusionario.